MENU

Aprile 2018

Ottima partenza per il nostri MARATONETI!

"Ottima partenza per i nostri MARATONETI!"

Il 22 Aprile sarà nuovamente un appuntamento da non perdere per tutti gli amanti della corsa. La 35esima Vienna City Marathon sarà sotto il motto „Teatro delle emozioni“.

La distanza da percorrere fino alla linea d’arrivo non possiamo accorciarla, l‘Hotel AUSTRIA potrà solo aiutarvi ad arrivare allo Start nel pieno delle vostre forze. Come già nei passati anni, in quella Domenica offriremo nuovamente una colazione speciale ed anticipata per tutti i nostri maratoneti, in maniera che questi ultimi comincino al meglio questa memorabile giornata di vero sport.
 

„Attuali MANIFESTAZIONI CULTURALI a Vienna ad Aprile 2018“

Siete interessati alla musica al teatro all’Opera, ai musei oppure alle mostre? Siamo a conoscenza di tutti gli appuntamenti culturali - e saremo lieti di darvi ancora qualche piccolo consiglio…

35esima Vienna City Marathon 2018

Il 21 e il 22 aprile 2018, 42.000 podisti di 125 nazioni potranno partecipare alla Vienna City Marathon, un autentico “teatro delle emozioni”, all’interno dello scenario dei più bei monumenti di Vienna. Il 23 aprile 2017, 42.000 podisti di 125 nazioni potranno nello scenario dei più bei monumenti di Vienna partecipando alla Vienna City Marathon, un autentico “teatro delle emozioni”. Un milione di spettatori lungo il percorso li sosterrà incessantemente con un tifo caloroso.

Visita turistica e maratona attraverso i luoghi più belli di Vienna? Questa combinazione è resa possibile proprio dalla Vienna City Marathon, il più importante evento sportivo in Austria. Il nostro suggerimento: iscrivetevi subito!

L’eccitante evento principale, che si terrà domenica 22 aprile, si articola anche nel 2018 in diverse gare per partecipanti di ogni fascia d’età e di ogni livello di preparazione. Oltre alla distanza classica della maratona, lo stesso giorno si corrono anche la mezza maratona e una maratona a staffetta per squadre composte da 4 atleti; il giorno precedente, il 21 aprile, è invece prevista una gara riservata a bambini e ragazzi, oltre a una corsa di 10 km con partenza dalla ruota panoramica del Prater.

Il segnale di partenza per la gara sarà dato come d’abitudine al Vienna International Centre. Si proseguirà attraversando il Reichsbrücke nel Prater di Vienna e poi verso la Ringstrasse passando davanti a prestigiosi edifici, quindi dall’Opera di Stato si raggiungerà la reggia di Schönbrunn per poi ritornare di nuovo verso il Ring e il Prater. Il traguardo è posto tra il Burgtheater e il Municipio.
Con il tema annuale “Teatro delle emozioni”, la Vienna City Marathon coniuga la gioia di vivere, la molteplicità delle culture e la tradizione sociale del teatro viennese con i momenti carichi di emozione che lo sport permette di vivere.

Negli ultimi anni, la Vienna City Marathon si è sviluppata in una piattaforma per progetti sociali e di beneficenza, e numerosi partecipanti dimostrano il loro impegno per risolvere le problematiche che hanno a cuore. L’anno scorso sono state raccolte donazioni per un importo superiore a 182.000 Euro.

Festival di Vienna 2018

A partire dall’11 maggio il Festival di Vienna dedica cinque settimane al teatro contemporaneo internazionale nelle sue varie forme, con 30 produzioni che spaziano dalla musica al teatro di prosa, dalla performance alla danza. Inoltre viene proposta di nuovo una sezione dedicata alla club culture.

Il sovrintendente Tomas Zierhofer-Kin, alla sua seconda direzione del festival, porta di nuovo a Vienna una varietà di generi e artisti diversi. L’inaugurazione è una festa per tutti: il Festival di Vienna sarà ufficialmente aperto l’11 maggio sulla piazza davanti al Municipio. L’evento open air gratuito entusiasma ogni anno migliaia di persone e viene trasmesso in mondovisione.
Per il festival saranno emessi non meno di 40.000 biglietti. Fra i 30 appuntamenti in programma, 21 sono dedicati al teatro musicale o di prosa e alla performance. Molte produzioni susciteranno interesse. 

L’F23, una fabbrica di bare dismessa e riadattata a discoteca, è il teatro di “Hyperreality”, una sottosezione del festival dedicata alla club culture. Per tre notti qui la musica elettronica sperimentale dominerà la scena con una contaminazione tra performance, pop e arti figurative. La discoteca si propone come spazio delle possibilità, al di là della realtà. La musica è intesa come un mezzo di espressione liberatorio.

Tra gli altri ospiti attesi all’Hyperreality figurano il musicista, cantante e produttore venezuelano Arca(24/5), la diva pop americana, compositrice di talento, Kelela e la leggenda della musica elettronica di Detroit DJ Assault (25/5) nonché il rapper berlinese Taktloss aka Real Geizt (26/5).
 

Festival di Vienna 2018, 11/5-17/6/2018, diverse sedi

Programma, informazioni, biglietti: www.festwochen.at www.festwochen.at

1° Festival del Musikverein

Il Musikverein di Vienna darà vita il 6 maggio a un proprio nuovo festival incentrato sui compositori Debussy, Bernstein e Beethoven, con una sessantina di concerti e numerosi grandi nomi in cartellone.

Il Festival del Musikverein di Vienna conta la bellezza di 70.000 biglietti stampati, 36 giornate di concerti, dodici orchestre ospiti e i migliori direttori d’orchestra e solisti internazionali: al pianoforte, ad esempio, Martha Argerich, Daniel Barenboim, Maurizio Pollini e Hélène Grimaud, al violino Julian Rachlin, come voci soliste Elisabeth Kulman, Diana Damrau, Ian Bostridge e Michael Schade.

Un festival musicale al Musikverein non sarebbe concepibile senza l’Orchestra Filarmonica di Vienna: oltre a Zubin Mehta saranno Mariss Jansons e Andrís Nelsons a dirigere l’Orchestra Filarmonica nei concerti del nuovo Festival. Franz Welser-Möst e la Cleveland Orchestra eseguiranno tutte le sinfonie di Beethoven nell’ambito del loro “Progetto Prometeo”.

Per celebrare il centenario della nascita di Leonard Bernstein, l’Orchestra Filarmonica di Vienna diretta da Zubin Mehta, la Philadelphia Orchestra diretta da Yannick Nézet-Séguin e l’Orchestra Sinfonica di Vienna - ORF Radio diretta da Cornelius Meister terranno una serie di concerti.
Sul podio della Sala Grande del Musikverein lo stesso Claude Debussy fu un tempo ospite acclamato. 100 anni dopo la sua morte, Daniel Barenboim dirige la Staatskapelle Berlin in tre concerti dedicati a Debussy. Il programma comprende la sacra rappresentazione "Le Martyre de Saint-Sebastien" con le cantanti Anna Prohaska e Marianne Crebassa e con Maria Furtwängler nel ruolo di voce narrante.

Da Berlino, oltre alla Staatskapelle, arriveranno anche i Berliner Philarmoniker. Sir Simon Rattle si congeda dagli appassionati di musica di Vienna come direttore dei "Berliner".

Festival del Musikverein Vienna 2018, 6/5 - 10/6/2018

Horten mette in mostra la sua arte

Heidi Goëss-Horten, erede della catena di grandi magazzini fondata dal marito, rende per la prima volta accessibile al grande pubblico, nelle stanze del Museo Leopold, la sua collezione d’arte privata, costituita da pezzi d’eccellenza: opere di Gustav Klimt, Egon Schiele, Marc Chagall, Pablo Picasso, Alex Katz, Andy Warhol, Damien Hirst e molti altri ancora.

Heidi Goëss-Horten colleziona capolavori d’arte dagli anni ‘90. Il suo approccio alle opere è molto personale: fin dall’inizio la sua intenzione era quella di vivere assieme ai pezzi d’arte da lei acquistati. Per molti anni ha comprato importanti opere aggiudicandosele in numerose aste di tutto il mondo. Questa collezione d’arte, una delle più notevoli d’Europa, viene ora resa accessibile al pubblico per la prima volta: la mostra “WOW! The Heidi Horten Collection" al Museo Leopold espone 170 opere create in 100 anni di storia dell’arte. Le più numerose sono quelle appartenenti all’Espressionismo tedesco e alla Pop Art americana.

La Horten si occupa accuratamente anche dei retroscena di singole opere. Ad esempio, nella mostra vengono presentati "Rote Rehe I" di Franz Marc e "Forest Scene" di Roy Lichtenstein: il quadro di Marc ha rappresentato il diretto modello per il dipinto monumentale di Lichtenstein. Sono inoltre esposte opere di Marc Chagall, Ernst Ludwig Kirchner, Paul Klee, Gustav Klimt, August Macke, Henri Matisse, Joan Miró, Edvard Munch, Pablo Picasso, Egon Schiele, Francis Bacon, Georg Baselitz, Jean-Michel Basquiat, Lucian Freud, Damien Hirst, Alex Katz, Yves Klein, Robert Rauschenberg, Gerhard Richter, Andy Warhol e molti altri.

WOW! The Heidi Horten Collection, 16/2 - 29/7/2018
www.leopoldmuseum.org

Fragile! Maneggiare con cura!

La Manifattura di Porcellane Augarten di Vienna festeggia il suo 300° anno di attività ospitando due importanti mostre.

Fin dalla fondazione nel maggio 1718, quando a Claudius Innocentius du Paquier fu concesso un privilegio imperiale per la produzione della porcellana, la manifattura viennese Augarten iniziò a dettare i canoni estetici di riferimento da seguire nel praticare questa forma d’arte. Durante il regno di Maria Teresa la manifattura divenne di proprietà imperiale, assumendo fama mondiale nel Classicismo. Dopo il Congresso di Vienna (1814/15), la porcellana filigranata fece il suo ingresso nelle corti reali e imperiali d’Europa e nelle residenze dell'alta borghesia.

La rivoluzione industriale provocò un declino dell’artigianato, che portò nel 1864 alla chiusura della manifattura. La manifattura di porcellane fu riaperta solo nel 1923 all’interno del castello di Augarten, sua sede odierna, e da allora molti artisti contemporanei sono stati invitati a progettare le loro creazioni in porcellana.

In occasione del trecentesimo anniversario della fondazione della manifattura di porcellane, il Museo della Porcellana Augarten presenta la mostra celebrativa “ewig schön. 300 Jahre Wiener Porzellan” (eternamente belle. 300 anni di porcellane viennesi) (19/03/2018 - 15/10/2018) Tema centrale della rassegna è l’interazione tra designer e fruitori delle porcellane viennesi. Sono qui esposte opere selezionate realizzate da artisti e designer innovativi che, in epoche diverse, hanno contribuito all’evoluzione di questa forma d’arte: meraviglie del barocco e del divertente rococò, porcellane dorate del periodo classico, semplici realizzazioni in stile Biedermeier, raffinate creazioni di squisito gusto art déco, modelli colorati tipici degli anni '50 e oggetti di design contemporaneo. Il programma prevede che il team di design della manifattura Augarten collabori all’organizzazione dello spazio espositivo.

Fin dagli anni della sua fondazione, il MAK - Museo austriaco di Arti Applicate/Arte Contemporanea custodisce il lascito della manifattura ed è attivo nella ricerca sulla porcellana. La rassegna “300 anni di manifattura viennese di porcellane” (16/05/2018 -23/09/2018) offre un’impressionante panoramica sugli sviluppi viennesi nel contesto dei precursori asiatici e dei concorrenti europei, quali le manifatture di Meissen, di Nymphenburg, di Berlino, di Frankenthal, di Doccia (Italia) e di Sèvres (Francia).

eternamente belle. 300 anni di porcellane viennesi 1718-2018, 19/03/2018 - 15/10/2018
www.augarten.com

Friendliness and helpfulness of the staff. Very clean hotel throughout and breakfast was very good.

March / booking.com

HOTEL AUSTRIA WIEN

Follow us